Menu Principale

Diplopia

 

Il termine diplopia, è usato per descrivere una condizione in cui vengono percepite immagini doppie, in quanto una singola immagine viene proiettata in punti diversi sulla retina dei due occhi. E', quindi, una condizione in cui manca una corretta visione binoculare, fenomeno che può creare molte difficoltà alle persone che ne soffrono.

La visione doppia può essere distinta in diplopia monoculare e binoculare.


La diplopia monoculare, può essere associata per lo più a:

- irregolarità della cornea (come nel caso dei difetti refrattivi),

- patologie del cristallino (come la cataratta, dove può comparire nella fase iniziale della malattia),

- alterazioni retiniche.


 

La diplopia binoculare è invece sintomo di disturbi neurologici ed è la forma più frequente di diplopia. Può essere distinta in:

- orizzontale

- verticale

- obliqua

- crociata

a seconda dei muscoli che ne sono coinvolti.

 

La causa più comune di diplopia binoculare è essenzialmente lo strabismo (disturbo della motilità in cui si ha comunemente una deviazione oculare) e, nella comparsa dello strabismo in età adulta, ne è la causa più frequente.

Essa può essere altresì associata a varie patologie di origine neurologica. È il caso delle malattie del sistema nervoso centrale (tumore al cervello), dei traumi, delle malattie neuromuscolari (sclerosi multipla). In altri casi, può essere dovuta a ipertensione arteriosa, diabete o a malattie vascolari o muscolari (miastenia), a patologie del sistema endocrino (ipertiroidismo) o, infine, ad alterazioni a carico del sistema circolatorio (in tal caso può essere transitoria).

La diplopia binoculare può essere, inoltre, un effetto collaterale dovuto all’uso di farmaci beta-bloccanti e di farmaci che agiscono sul sistema neuromuscolare (tossina botulinica).

La diplopia dolorosa può, invece, essere indizio di pseudotumor cerebri.

La terapia antidiplopica consiste essenzialmente nella correzione mediante l’ausilio lenti prismatiche. Tali lenti servono a produrre una fusione delle immagini doppie, trasformandole in un’unica immagine proiettata su punti corrispondenti della retina di entrambi gli occhi. A questi ausili sono solitamente associati esercizi ortottici di fusione.


Gli esami da eseguire in caso di diplopia sono principalmente lo Schermo di Hess-Lancaster e il Test del vetro rosso.

Quando la terapia mediante lenti prismatiche ed esercizi ortottici è insufficiente, si rende necessaria l’esecuzione dell’intervento chirurgico.

Vi sono essenzialmente due tipi di approcci chirurgici: (1) la chirurgia dei muscoli extraoculari, che consiste nello spostamento dei muscoli sul bulbo oculare e, in alcuni casi di grave esoftalmo, (2) il trattamento chirurgico decompressivo, che consiste sostanzialmente nel riportare il bulbo oculare in posizione corretta nella cavità orbitaria.

Un’altra forma di visione doppia è la diplopia detta "fisiologica". Essa si manifesta in tutti i soggetti con una normale visione binoculare ed è influenzata dalla distanza dell’oggetto che si guarda.

 
free pokerfree poker

Cerca

News

Ultime News

  • Conservare la vista per vivere più a lungo

     

    Il calo della vista può influenzare negativamente la capacità degli anziani di svolgere normali attività della vita quotidiana, come usare il telefono, fare shopping o dedicarsi ai lavori domestici, che sono tutte misure della capacità di un individuo di vivere in modo indipendente. La questione è particolarmente importante perché, quando non si è in grado di svolgere una vita autonoma, aumenta anche il rischio di morte.

    La compromissione visiva può avere effetti negativi sulla salute fisica e psico-sociale di una persona. Ad essa, poi, sono associate molte alterazioni funzionali che riguardano la salute generale.

    Sono stati utilizzati i dati del Salisbury Eye Evaluation per stabilire quanto la riduzione dell'acuità visiva possa aumentare il rischio di morte a causa dei suoi effetti funzionali nel tempo. Lo studio ha incluso 2.520 adulti anziani (65-84 anni) dal settembre 1993 al luglio 2003. I partecipanti allo studio sono stati ricontrollati dopo 2, 6 e 8 anni dalla valutazione iniziale.

    Il declino dell'acutezza visiva nel corso del tempo è stato associato ad un aumentato rischio di mortalità, cui ha contribuito la ridotta autonomia legata al deficit visivo. Gli individui che hanno sperimentato difficoltà crescenti nelle attività quotidiane hanno avuto un incremento del rischio di mortalità che aumentava del 3 per cento ogni anno, fino ad arrivare al 31 per cento al termine del periodo di studio di 8 anni.

    I risultati dello studio hanno molteplici implicazioni. In primo luogo, questi dati rafforzano la necessità di una prevenzione primaria delle cause che possono determinare una compromissione visiva irreversibile (es. glaucoma, degenerazione maculare). Inoltre, sono raccomandati controlli periodici per poter eseguire una diagnosi precoce delle malattie degli occhi più gravi, per poter applicare, all'occorrenza, tempestivi trattamenti terapeutici. Non meno importante è considerare il fatto che molte persone vivono con compromissioni visive che sono correggibili semplicemente con adeguati occhiali o lenti a contatto: l'importante è esserne consapevoli, per poter ottenere l'adeguata prescrizione! Quando, invece, non si può fare molto per migliorare la vista dei pazienti, è fondamentale offrire a costoro il giusto supporto, per consentire la migliore autonomia possibile o per assisterli nelle attività quotidiane.


    Approfondimenti: Come cambia la vista con gli anni