Pascotto - Istituto per la Salute degli Occhi

 

Benvenuti nel sito del Centro Oculistico Pascotto

 

salute per gli occhi

 

Ci auguriamo di entrare in contatto diretto con voi non solo per questioni professionali, ma anche per offrirvi un luogo familiare ed amichevole dove ci si possa sentire a proprio agio.


Noi siamo orgogliosi di avere in affidamento la salute e la vista dei nostri pazienti.

 

Il Centro Oculistico Pascotto, sulla scorta di una lunga tradizione familiare, è diventato in pochi anni uno dei  principali riferimenti per la cura degli occhi in Campania.

 

Nel Centro sono disponibili numerosi test per diagnosticare i problemi di vista - sia quelli organici sia quelli funzionali.

 

La topografia corneale, l'esame alla lampada a fessura, la fotografia del fondo oculare e la tomografia a coerenza ottica (OCT) ci consentono di ottenere precise immagini delle differenti strutture dell'occhio.

 

Altri esami come l'analisi dell'acuità visiva, l'esame del campo visivo ed il test di Amsler, aiutano a capire come funzionano gli occhi e, quindi, come vedono i nostri pazienti.

 

Con validi strumenti a disposizione, correlare le alterazioni organiche a quelle funzionali è relativamente semplice. Ad esempio, la cataratta riduce l'acuità visiva, misurata con l'ottotipo a LED; la degenerazione maculare, che manifesta i primi sintomi attraverso il test di Amsler, viene rilevata agevolmente dall'OCT.

 

Noi siamo già da tempo attrezzati per offrire il massimo supporto assistenziale ai nostri pazienti, per evitare che un ritardo nella diagnosi possa compromettere le possibilità di cura di che è colpito da una malattia degli occhi.

 

Nel nostro studio sono ora disponibili diversi "percorsi di cura" e, fra questi, la diagnostica fondamentale è il "percorso base della prima visita" in cui il paziente si sottopone a tutti i test elencati per evitare che possano sfuggire alcune malattie latenti, come il cheratocono in fase iniziale, il glaucoma a pressione normale o i primi segni della degenerazione maculare, ove un ritardo della diagnosi potrebbe avere conseguenze drammatiche.

 

Allo stesso tempo, il "percorso base della prima visita" consente di ottenere informazioni sulle caratteristiche anatomiche degli occhi dei pazienti, per poter valutare agevolmente se il soggetto è idoneo o meno ad interventi per la correzione dei comuni difetti di vista come la miopia, l'astigmatismo o l'ipermetropia, con il laser (femtolasik o prk) o con altre tecniche di chirurgia refrattiva (IOL fachiche o sostituzione del cristallino).

 

Gli occhi dei nostri pazienti sono gli occhi dei nostri familiari, o gli occhi nostri.

 

Il nostro Centro è una struttura di 250 metri quadri che si trova a Napoli, nel centralissimo Corso Umberto I (in uno dei celebri Quattro Palazzi di Piazza Nicola Amore), ma il dottor Pascotto visita a Napoli anche a Soccavo, nei pressi di via dell'Epomeo, ed a Caserta, in via Roma, una delle principali arterie della città..

 

Ulteriori informazioni sul Centro Oculistico Pascotto

 

Ecco le nostre procedure diagnostiche

Esame del Campo Visivo, OCT, Topografia corneale, Pachimetria corneale, Schema di Hess-Lancaster, Esame del fondo oculare digitalizzato

 

E le nostre principali procedure chirurgiche


laser occhiPRK, FEMTOLASIK, SUPRACOR

Per la correzione con laser ad eccimeri e femtolaser di miopia, ipermetropia, presbiopia ed astigmatismo

 

Chirurgia Refrattiva della Cataratta

Rimozione del cristallino opaco e sostituzione con cristallino artificiale, con sistema manuale o con laser a femtosecondi. La tecnica consente anche l’eliminazione di buona parte dei difetti di vista (ipermetropia, miopia, astigmatismo, presbiopia).

 

Impianti di lenti fachiche

Per la correzione di miopia ed ipermetropia di grado elevato, per la correzione di comuni difetti visivi in soggetti non idonei a trattamenti laser.

 

Cura del cheratocono

- Cross-linking corneale
- Trapianto di cornea

 

Chirurgia del Distacco di Retina

- Cerchiaggio Episclerale
- Chirurgia Vitreoretinica

 

PRELEX (Sostituzione del cristallino per la correzione della presbiopia)

Rimozione del cristallino del paziente (con o senza cataratta) e sostituzione con impianto di lente multifocale per la correzione dei difetti di vista sia per lontano che per vicino

 

Blefaroplastica

Per la correzione estetica e funzionale delle alterazioni palpebrali

 

Chirurgia degli Annessi Oculari

Asportazione di xantelasmi, cisti, verruche palpebrali, calazi, pterigi.

 
free pokerfree poker

Cerca

Ultime News

  • Chirurgia per la Miopia: meglio il laser o il cristallino?

     

    Per la correzione dei difetti refrattivi (miopia, ipermetropia ed astigmatismo), decidere tra il laser e l'impianto di lente intraoculare è una questione che si basa sui progressi tecnologici, la competenza del chirurgo, il tipo di difetto refrattivo da correggere e lo stile di vita del paziente.


     

    Lo scopo della chirurgia refrattiva per la correzione della miopia consiste nel raggiungere l'indipendenza da occhiali e lenti a contatto in maniera sicura e stabile. C'è più di un modo, però, per ottenere questo risultato: il trattamento laser e l'impianto delle lenti intraoculari fachiche (pIOL).

    Anche se ci sono alcuni casi in cui noi medici oculisti dobbiamo fare delle scelte "obbligate" - la chirurgia con laser per pazienti con miopia lieve, le lenti intraoculari per le persone con miopia elevata o che non sono idonee per la chirurgia laser - in molti casi, i pazienti occupano una zona grigia in cui entrambe le procedure potrebbero essere indicate.

    Quale tipo di chirurgia, in questi casi, è consigliabile? A quale livello di miopia l'impianto di lenti fachiche è preferibile all'ablazione con il laser? Le linee-guida che indicano quale opzione possa essere più appropriata variano tra i paesi europei ma, in generale, non essendoci indicazioni nette, la decisione finale si riduce al consiglio dell'oculista o alla preferenza del paziente.

    Lo studio Cochrane in passato ha analizzato in maniera approfondita la questione laser/lenti fachiche. Si tratta di una revisione che ha incluso tre studi clinici che hanno coinvolto un totale di 228 occhi, da cui è emerso quanto segue:

    - Non c'è nessuna differenza tra le due tecniche riguardo la possibilità di ottenere una capacità visiva di 10/10 (o più) senza occhiali

    - La chirurgia con lenti intraoculari è risultata più sicura rispetto alla correzione con laser ad eccimeri, visto che con la prima tecnica si è dimostrata una minore perdita di capacità visiva dopo 12 mesi dall'operazione

    - L'applicazione di lenti intraoculari determina una migliore sensibilità al contrasto rispetto alla correzione con laser ad eccimeri

    - La chirurgia con lenti intraoculari ha ottenuto punteggi migliori nei questionari di soddisfazione compilati dai pazienti dopo l'operazione

    - Con nessuna tecnica sono state riportate complicazioni tali da determinare una perdita parziale della capacità visiva

    Quindi... la questione è risolta? Questi dati sono interessanti e confermano le opinioni che abbiamo noi stessi sulle caratteristiche delle differenti tecniche, ma vanno comunque analizzati con attenzione ed integrati con altri studi prima che si possa giungere a delle conclusioni definitive. Parlare con l'oculista che si occupa in maniera completa di chirurgia refrattiva aiuta a prendere la decisione migliore per ogni singolo caso.

    Chirurgia Refrattiva al Centro Pascotto
    Corso Umberto I, 179, Napoli
    Tel. 081 554 2792